Finanziamenti – Agevolazioni

Servizi e consulenze

Esegui una nuova ricerca

More results...

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
#adessonews
Agevolazioni
Agevolazioni finsubito
Agricoltura
Economia
Immobili
Legislazione
Prestiti - Mutui
Prestito aziendale
video news dalla rete


Cosa sono le aziende green o sostenibili?

La sensibilità sui temi dell’energia rinnovabile e dell’ambiente sembra essere storia nuova, eppure è da almeno trent’anni che le imprese sanno di doversi confrontare con i nuovi standard di sostenibilità.

È difficile trovare una definizione univoca: si tratta di un processo, oltre che di un risultato. Un’impresa ecosostenibile è in grado di raggiungere i propri obiettivi di profitto nella maniera meno inquinante possibile.

Non solo: è un’impresa in grado di conformarsi a determinati standard, spesso e volentieri istituiti dai governi, che si traducono in incentivi e vantaggi economici.

Ma il concetto di ecosostenibilità non si esaurisce qui. Ecosostenibile è anche l’azienda che riesce a garantire un ambiente di lavoro adeguato per i propri dipendenti, contribuendo non solo alla salute dell’ambiente naturale, ma anche di quello sociale. Il tema è di grande attualità soprattutto da quando le multinazionali hanno iniziato a delocalizzare le proprie sedi, irrompendo in sistemi già messi duramente alla prova da condizioni economiche difficili.

Il tutto senza perdere di vista l’obiettivo finale di qualsiasi azienda: il profitto. Una situazione finanziaria positiva permette infatti all’impresa di continuare a portare avanti i suddetti valori, rafforzando la propria attività in maniera tale che si affermi come effettivamente capace nel panorama delle principali aziende quotate.

Quali sono i parametri per valutare un’azienda green?

Per capire quando un’azienda può definirsi ecosostenibile sarà utile partire dal framework generale, per arrivare man mano alle specifiche delle aziende e risalire, tra di esse, alle più virtuose quotate in Borsa.

Finanziamenti – Agevolazioni

Servizi e consulenze

L’agenda 2030 delle Nazioni Unite e il ruolo dell’UE

Nel settembre 2015, 193 paesi appartenenti all’organizzazione delle Nazioni Unite hanno firmato un programma d’azione “per le persone, il pianeta e la prosperità”. Il programma include 17 obiettivi, divisi in 169 target, da raggiungere entro il 2030. Tra di essi figurano anche la lotta alla povertà, l’eliminazione della fame e il contrasto al cambiamento climatico.

L’Italia ha aderito all’Agenda insieme all’intera Unione Europea. Va da sé che la pandemia di covid-19 e le sue conseguenze sul panorama imprenditoriale abbiano inciso non poco sul raggiungimento dei target ambientali, ma non è un caso che il piano NextGenerationEU sarà finanziato al 30% con “Green Bond” emessi dall’Unione proprio ai fini di investimenti più sostenibili.

Il ruolo dei governi

L’Agenda 2030 riconosce “il ruolo del variegato settore privato per l’attuazione dell’Agenda, dalle micro-imprese alle cooperative alle multinazionali, e il ruolo delle organizzazioni della società civile e delle organizzazioni filantropiche”. Poco dopo, i firmatari nominano anche la finanza pubblica internazionale e il suo ruolo nel predisporre forme di “aiuto pubblico allo sviluppo (APS)”, che hanno il compito di “attivare la mobilitazione di risorse supplementari da altre fonti sia pubbliche che private”.

Il ruolo delle imprese

Ogni anno al World Economic Forum di Davos viene presentata la lista delle 100 aziende green più virtuose. La classifica viene stilata da Corporate Knights, think tank canadese con focus sull’ambiente e sulla sostenibilità.

Corporate Knights dal 2005 valuta le aziende green di oltre un miliardo di ricavi. Tra i parametri considerati figurano la rilevanza dell’azienda nel contesto globale, la trasparenza nel riportare i dati, la loro oggettività e pubblicità. Non solo: rilevano anche la stabilità finanziaria e la condotta negli anni delle aziende.

La classifica considera una serie di indicatori: oltre alla quantità e qualità dell’energia impiegata e delle emissioni di gas serra, figurano anche l’ammontare delle tasse pagate nell’anno in considerazione, lo stipendio dei ruoli esecutivi, la qualità del welfare corrisposto ai dipendenti, il turnover e l’inclusività.

Cinque aziende attente alla sostenibilità ambientale: ecco i nomi

Da diversi anni dominano la classifica aziende del nord Europa: due danesi e una finlandese occupano il podio. Seguono due compagnie Usa, ma per arrivare al Bel Paese non bisogna scendere troppo in basso: Enel è all’ottavo posto tra le imprese green italiane, appena dopo ING Groep NV (Paesi Bassi) e subito prima di Banco do Brasil SA.

Finanziamenti – Agevolazioni

Servizi e consulenze

Tra le altre aziende italiane più sostenibili compaiono ERG (al 35mo posto), Intesa Sanpaolo (39), Generali Assicurazioni (69).

L’intera classifica è dominata dall’Europa: oltre la metà delle imprese in lista sono nel Vecchio Continente. Segue il Nord America, con 29 aziende, e l’Asia, con 18. Di seguito considereremo le prime cinque tra le aziende green migliori al mondo.



Source link

Finanziamenti – Agevolazioni

Servizi e consulenze

La rete #dessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento,
come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo.
Il presente sito contiene link ad altri siti Internet, che non sono sotto il controllo di #adessonews; la pubblicazione dei suddetti link sul presente sito non comporta l’approvazione o l’avallo da parte di #adessonews dei relativi siti e dei loro contenuti; né implica alcuna forma di garanzia da parte di quest’ultima.
L’utente, quindi, riconosce che #adessonews non è responsabile, a titolo meramente esemplificativo, della veridicità, correttezza, completezza, del rispetto dei diritti di proprietà intellettuale e/o industriale, della legalità e/o di alcun altro aspetto dei suddetti siti Internet, né risponde della loro eventuale contrarietà all’ordine pubblico, al buon costume e/o comunque alla morale. #adessonews, pertanto, non si assume alcuna responsabilità per i link ad altri siti Internet e/o per i contenuti presenti sul sito e/o nei suddetti siti.

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

Finanziamenti – Agevolazioni

Servizi e consulenze

La rete #dessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento,
come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo.
Il presente sito contiene link ad altri siti Internet, che non sono sotto il controllo di #adessonews; la pubblicazione dei suddetti link sul presente sito non comporta l’approvazione o l’avallo da parte di #adessonews dei relativi siti e dei loro contenuti; né implica alcuna forma di garanzia da parte di quest’ultima.
L’utente, quindi, riconosce che #adessonews non è responsabile, a titolo meramente esemplificativo, della veridicità, correttezza, completezza, del rispetto dei diritti di proprietà intellettuale e/o industriale, della legalità e/o di alcun altro aspetto dei suddetti siti Internet, né risponde della loro eventuale contrarietà all’ordine pubblico, al buon costume e/o comunque alla morale. #adessonews, pertanto, non si assume alcuna responsabilità per i link ad altri siti Internet e/o per i contenuti presenti sul sito e/o nei suddetti siti.

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

Finanziamenti – Agevolazioni

Servizi e consulenze