Finanziamenti – Agevolazioni

Servizi e consulenze

Esegui una nuova ricerca

More results...

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
#adessonews
Agevolazioni
Agevolazioni finsubito
Agricoltura
Economia
Immobili
Legislazione
Prestiti - Mutui
Prestito aziendale
video news dalla rete


Nella  legge di bilancio 2024, è presente una nuova disciplina relativa ai fringe benefits ovvero i beni e servizi  in natura erogati dal datore di lavoro al datore dipendente che restano esclusi dall’imponibile fiscale (art 51 comma 3 del TUIR) .

Come noto la soglia massima  secondo la normativa ordinaria è fissato a 258,23 euro ma negli ultimi anni ha subito molte variazioni nel tentativo dei Governi di sostenere il reddito dei lavoratori dipendenti, per molti dei quali gli  stipendi sono da anni bloccati per i mancati rinnovi contrattuali . 

Nel 2023 la soglia  di esenzione  era stata innalzata  a 3000 euro annui ma solo per i lavoratori con figli a carico, e ricomprendeva anche possibili rimborsi in denaro relativi alle utenze domestiche intestate al dipendente.

Fringe Benefit le nuove soglie 2024  

Nella legge di bilancio 2024 art 1 comma 16,   si prevede ancora di favorire le famiglie con figli, nell’ottica dichiarata del  sostegno alla natalità, fissando  ora   quindi due diverse soglie di esenzione fiscale, ovvero 

  1. per i dipendenti con figli a carico il limite  esente da imposte e contributi previdenziali scende a  2000 euro 
  2. per i dipendenti senza figli il limite ordinario di 252,23 sale a 1000 euro annui.

Giova forse  ricordare che il Fisco considera  a carico i figli con reddito non superiore a 2.840,51 euro (al lordo degli oneri deducibili),  che sale a 4mila euro per i figli fino a 24 anni.

Resta fermo che   in caso di sforamento del limite la norma prevede l’imposizione fiscale sul totale del valore dei beni e servizi erogati.

Finanziamenti – Agevolazioni

Servizi e consulenze

Fringe benefit 2024 : nuove voci esenti  

Come noto  i fringe benefits  in teoria consistono nell’utilizzo di beni e servizi erogati dal datore di lavoro. Tipici esempi sono : 

  • l’alloggio e il vitto in famiglia  oppure buoni pasto o mensa aziendale (in questo caso i costi sono conteggiati separatamente rispetto alla soglia complessiva)
  • alloggio  in appartamenti o alberghi a spese dell’azienda
  • l’uso di beni di proprietà dell’azienda “datore di lavoro”, quali: telefono aziendale; pc, tablet, stampanti o altri dispositivi elettronici , autovetture o altri mezzi di trasporto; oppure ancora 
  • servizi di trasporto collettivo
  • asili aziendali
  • polizze assicurative
  • prestiti aziendali.

Di tali beni e servizi  il lavoratore solitamente  può usufruire gratuitamente o  a condizioni più vantaggiose rispetto  al mercato. Il valore è determinato  sulla base dei prezzi e tariffe medie indicate dalle camere di commercio.

Per il 2024  si prevede che per tutti i dipendenti, anche se con soglie differenziate viste sopra, l’applicazione dell’esenzione potrà riguardare anche 

  • rimborsi  delle utenze domestiche del servizio dell’acqua e dell’energia elettrica
  • rimborso di spese per affitto o per gli interessi sul mutuo,  relativi alla casa di abitazione.

Se sarà confermata la modalità da determinazione del valore di  tali voci come prevista dall’articolo 51, comma 4, del Tuir ( determinazione  convenzionale) sarà necessario,  stando a precedenti provvedimenti dell’Agenzia, che  il datore  di lavoro versi l’importo direttamente sul conto corrente  sul quale è domiciliato il mutuo così che il denaro non possa essere utilizzato per altri scopi  o che istituto di credito fornisca all’azienda adeguata informativa sulla regolarità dei pagamenti, su eventuali modifiche economiche del finanziamento o sulla revoca dello stesso (risoluzione 46/2010).

La nuova  norma non specifica  gli obblighi  di documentazione  per il datore di lavoro e/o sul dipendente in relazione alle utenze domestiche. Sempre secondo le precedenti circolari dell’Agenzia sull’argomento  probabilmente sarà richiesta copia delle bollette rimborsate oppure una dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà, ai sensi del DPR 445/2001. Si attendono conferme ufficiali 

Applicabilità dei fringe benefit:  precisazioni da Telefisco 2024

Nella relazioni  del convegno del Sole 24 ore Telefisco 2024  sono stati fornite alcune precisazioni sul tema dei fringe benefit 2024 . In particolare   si sottolinea che:

  •  i compensi in natura regolamentati  dall’articolo 51, comma 3, del  Tuir possono essere corrisposti anche ad personam, cioè in maniera selettiva sulla base della situazione specifica del dipendente 
  • si conferma , per i dipendenti con figli che sulla base dei  chiarimenti contenuti nella circolare dell’Agenzia n 23 del 1° agosto 2023, possono godere del  beneficio entrambi i genitori lavoratori  dipendenti , ma ATTENZIONE non può usufruirne il  coniuge con figli che per  reddito insufficiente, in precedenza  fosse a carico dell’altro coniuge.
  • L’obbligo per il datori di lavoro di comunicazione obbligatoria alle rappresentanze sindacali  può essere assolto con una semplice  informativa sulla applicazione della norma vigente  e, come specificato dalla circolare ADE 23 2023 anche successivamente al riconoscimento dell’agevolazione, purché prima del termine del periodo di imposta.



Source link

Finanziamenti – Agevolazioni

Servizi e consulenze

Finanziamenti – Agevolazioni

Servizi e consulenze

La rete #dessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento,
come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo.
Il presente sito contiene link ad altri siti Internet, che non sono sotto il controllo di #adessonews; la pubblicazione dei suddetti link sul presente sito non comporta l’approvazione o l’avallo da parte di #adessonews dei relativi siti e dei loro contenuti; né implica alcuna forma di garanzia da parte di quest’ultima.
L’utente, quindi, riconosce che #adessonews non è responsabile, a titolo meramente esemplificativo, della veridicità, correttezza, completezza, del rispetto dei diritti di proprietà intellettuale e/o industriale, della legalità e/o di alcun altro aspetto dei suddetti siti Internet, né risponde della loro eventuale contrarietà all’ordine pubblico, al buon costume e/o comunque alla morale. #adessonews, pertanto, non si assume alcuna responsabilità per i link ad altri siti Internet e/o per i contenuti presenti sul sito e/o nei suddetti siti.

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

Finanziamenti – Agevolazioni

Servizi e consulenze

La rete #dessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento,
come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo.
Il presente sito contiene link ad altri siti Internet, che non sono sotto il controllo di #adessonews; la pubblicazione dei suddetti link sul presente sito non comporta l’approvazione o l’avallo da parte di #adessonews dei relativi siti e dei loro contenuti; né implica alcuna forma di garanzia da parte di quest’ultima.
L’utente, quindi, riconosce che #adessonews non è responsabile, a titolo meramente esemplificativo, della veridicità, correttezza, completezza, del rispetto dei diritti di proprietà intellettuale e/o industriale, della legalità e/o di alcun altro aspetto dei suddetti siti Internet, né risponde della loro eventuale contrarietà all’ordine pubblico, al buon costume e/o comunque alla morale. #adessonews, pertanto, non si assume alcuna responsabilità per i link ad altri siti Internet e/o per i contenuti presenti sul sito e/o nei suddetti siti.

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

Finanziamenti – Agevolazioni

Servizi e consulenze