Finanziamenti – Agevolazioni

Servizi e consulenze

Esegui una nuova ricerca

More results...

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
#adessonews
Agevolazioni
Agevolazioni finsubito
Agricoltura
Economia
Immobili
Legislazione
Prestiti - Mutui
Prestito aziendale
video news dalla rete


Caro mutui raffredda il mercato immobiliare. L’Istat conferma che, nel primo trimestre 2023, continua e si accentua l’andamento in ribasso già rilevato nella seconda metà del 2022, sia a livello tendenziale che congiunturale.

Nei primi tre mesi di quest’anno, l’Istituto di statistica ha registrato 210.691 convenzioni notarili di compravendita e altre convenzioni relative ad atti traslativi a titolo oneroso per unità immobiliari. Un numero in calo del 5% rispetto al trimestre precedente e dell’11% su base annua.  

Oltre alle compravendite, in discesa anche mutui, finanziamenti e altre obbligazioni che prevedono la costituzione di ipoteca immobiliare: dal rapporto Istat emerge che, da gennaio a marzo 2023, la loro flessione è stata del 12,6% rispetto al trimestre precedente e del 31% su base annua.

Per chi sia alla ricerca di un nuovo mutuo per comprare casa, oppure abbia già un mutuo in corso e voglia utilizzare lo strumento gratuito della surroga per abbassare la rata mensile, un alleato del risparmio è il comparatore per mutui di SOStariffe.it, che confronta le offerte più convenienti di dicembre 2023.

Consultando il tool digitale e gratuito di SOStariffe.it, è possibile avere una panoramica delle varie soluzioni sulla base delle proprie esigenze e avvalersi anche dell’assistenza telefonica gratuita e senza impegno tramite il numero verde 800.99.99.95. Per saperne di più, vai sul bottone verde qui sotto:



SCOPRI I MIGLIORI MUTUI »

Finanziamenti – Agevolazioni

Servizi e consulenze

Caro mutui: numeri in calo per il mercato immobiliare nel 2023

CARO MUTUI: RILEVAZIONE ISTAT SPIEGAZIONE
Mutui
  • meno 12,6% nel primo trimestre 2023 rispetto al trimestre precedente
  • meno 31% su base annua
Mercato immobiliare
  • meno 5% nel primo trimestre 2023 rispetto al trimestre precedente
  • meno 11% su base annua
Mercato della casa da Nord a Sud in un anno
  • meno 16,5% nel Nord-ovest
  • meno 7,8% nel Nord-est
  • meno 16% nel Centro
  • meno 4,6% nel Sud
  • meno 4,9% nelle Isole

Una duplice riduzione: delle vendite di case e dell’apertura di nuovi mutui. Un primo trimestre 2023 in contrazione, dopo i dieci rialzi consecutivi dei tassi di interesse sul costo del denaro decisi dalla BCE (Banca centrale europea) per arginare l’inflazione elevata nell’Eurozona. 

Il contraccolpo delle mosse varate dall’Istituto di Francoforte si traducono in un rincaro dei tassi variabili sui mutui, con un aumento dell’importo delle rate mensili. E, come in un effetto domino, ai prestiti per l’acquisto della casa più salati corrisponde una frenata delle compravendite.

Infatti, nel suo report, l’Istat evidenzia che il mercato immobiliare è in calo. Nello specifico, è sceso del 5% nei primi tre mesi di quest’anno rispetto allo stesso periodo del 2022 e dell’11% rispetto a un anno prima. In caduta verticale pure i mutui: 

  • meno 12,6% in un trimestre; 
  • meno 31% in un anno.

Spiega l’Istat: “I mutui, finanziamenti e altre obbligazioni con costituzione di ipoteca immobiliare anticipano di un trimestre l’andamento in calo che, sia a livello tendenziale sia congiunturale, si osserva dal secondo trimestre 2022. La flessione si fa più intensa nel terzo e quarto trimestre 2022, sino a raggiungere le variazioni negative più marcate nel primo trimestre 2023, dopo quelle già evidenziate nel secondo trimestre 2020”.

Dopo otto trimestri consecutivi di crescita, registrati tra il terzo trimestre 2020 e il secondo trimestre 2022 – annota ancora l’Istituto di statistica -, gli ultimi tre evidenziano una contrazione che è trainata principalmente dall’abitativo, settore di spinta dell’intero mercato immobiliare“.   

Il mercato della casa segna, su base annua, variazioni percentuali negative in tutta Italia. In dettaglio:

Finanziamenti – Agevolazioni

Servizi e consulenze

  • Nord-ovest -16,5%;
  • Nord-est -7,8%;
  • Centro -16%: 
  • Sud -4,6%;
  • Isole -4,9%.

Nel settore abitativo le compravendite diminuiscono del:

  • meno 18,3% nelle grandi città;
  • meno 6,4% nei piccoli comuni.

Caro mutui: come abbassare la rata mensile a dicembre 2023

QUESITO NUMERO 1 QUESITO NUMERO 2 QUESITO NUMERO 3
La surroga di un mutuo in corso è conveniente? Che cos’è il Bonus prima casa Under 36? Che cos’è il Fondo Gasparrini?
Sì, perché è gratuita e consente di risparmiare sulla rata mensile cambiando le condizioni del mutuo in essere Lo Stato offre garanzie alle banche per mutui  fino all’80% del prezzo d’acquisto di un immobile, il cui valore non deve superare i 250.000 €. Il Bonus è riservato a giovani under 26 con ISEE inferiore ai 40.000 € È una misura che consente, in particolari condizioni, di sospendere un mutuo fino a 18 mesi

Contro il caro mutui, il comparatore per mutui di SOStariffe.it mette a confronto sia le offerte più convenienti per un nuovo mutuo per comprare casa, sia le opzioni più vantaggiose per sostituire un mutuo in corso con uno più conveniente, ricorrendo alla surroga. Questo strumento gratuito, infatti, permette di trasferire il mutuo da una banca a un’altra modificando le condizioni contrattuali per abbassare la rata mensile. Per esempio, passando da un tasso variabile (i più elevati in questi mesi, dopo i rialzi decisi dalla BCE) a uno a tasso fisso (i più economici in questo periodo). Utilizzare il comparatore di SOStariffe.it per la surroga di un mutuo è semplice e bastano pochi minuti. Ecco come fare:

  • andare sul comparatore mutui di SOStariffe.it;
  • selezionare “Sostituzione mutuo“;
  • indicare il tipo di tasso desiderato;
  • inserire il valore del finanziamento da richiedere;
  • confrontare le offerte più vantaggiose.

Per i giovani, invece, un aiuto per acquistare l’abitazione principale arriva anche dal Bonus prima casa Under 36 che sarà prorogato anche per tutto il 2024. In scadenza al 31 dicembre 2023, il Governo ha già previsto nella legge di Bilancio 2024, i fondi necessari (282 milioni di euro) per rinnovare la garanzia statale sui mutui prima casa per gli under 36. Ricordiamo che i requisiti per accedere a questa agevolazione sono i seguenti:

  • giovani con età non superiore ai 36 anni o giovani coppie in cui uno dei 2 componenti non abbia superato i 35 anni;
  • ISEE non superiore a 40.000 euro annui;
  • copertura dell’80% del mutuo fino a un massimo di 250.000 euro (anche con ristrutturazione);
  • l’immobile deve essere l’abitazione principale e deve non essere classificato come immobile di lusso.

Nel 2024, a meno di una retromarcia dettata dal Parlamento, con il Bonus prima casa Under 36 non ci saranno più le agevolazioni fiscali in vigore fino al 31 dicembre 2023.

Infine, una boccata d’ossigeno contro il caro mutui è rappresentata dal Fondo di solidarietà, il cosiddetto Fondo Gasparrini, che permette di ottenere la sospensione del mutuo per un periodo massimo di 18 mesi, soddisfacendo queste condizioni:

  • avere in corso il pagamento di un mutuo per la prima casa per un importo non superiore a 400 mila euro;
  • avere delle difficoltà economiche per una sospensione dal lavoro, o una riduzione dell’orario di lavoro.


« notizia precedente
« PagoPA record: dal 2016 a oggi effettuate un miliardo di transazioni


notizia successiva »
Maggior Tutela o Mercato Libero: quale conviene? Gli ultimi dati ARERA »

Finanziamenti – Agevolazioni

Servizi e consulenze





Source link

Finanziamenti – Agevolazioni

Servizi e consulenze

La rete #dessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento,
come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo.
Il presente sito contiene link ad altri siti Internet, che non sono sotto il controllo di #adessonews; la pubblicazione dei suddetti link sul presente sito non comporta l’approvazione o l’avallo da parte di #adessonews dei relativi siti e dei loro contenuti; né implica alcuna forma di garanzia da parte di quest’ultima.
L’utente, quindi, riconosce che #adessonews non è responsabile, a titolo meramente esemplificativo, della veridicità, correttezza, completezza, del rispetto dei diritti di proprietà intellettuale e/o industriale, della legalità e/o di alcun altro aspetto dei suddetti siti Internet, né risponde della loro eventuale contrarietà all’ordine pubblico, al buon costume e/o comunque alla morale. #adessonews, pertanto, non si assume alcuna responsabilità per i link ad altri siti Internet e/o per i contenuti presenti sul sito e/o nei suddetti siti.

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

Finanziamenti – Agevolazioni

Servizi e consulenze

La rete #dessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento,
come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo.
Il presente sito contiene link ad altri siti Internet, che non sono sotto il controllo di #adessonews; la pubblicazione dei suddetti link sul presente sito non comporta l’approvazione o l’avallo da parte di #adessonews dei relativi siti e dei loro contenuti; né implica alcuna forma di garanzia da parte di quest’ultima.
L’utente, quindi, riconosce che #adessonews non è responsabile, a titolo meramente esemplificativo, della veridicità, correttezza, completezza, del rispetto dei diritti di proprietà intellettuale e/o industriale, della legalità e/o di alcun altro aspetto dei suddetti siti Internet, né risponde della loro eventuale contrarietà all’ordine pubblico, al buon costume e/o comunque alla morale. #adessonews, pertanto, non si assume alcuna responsabilità per i link ad altri siti Internet e/o per i contenuti presenti sul sito e/o nei suddetti siti.

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

Finanziamenti – Agevolazioni

Servizi e consulenze